top of page

Time Warp: 30 anni di storia e innovazione - un'intervista esclusiva al fondatore Robin Ebinger.

Nel cuore di Ludwigshafen, in Germania, 30 anni fa, Time Warp è emerso come un faro per gli appassionati di musica elettronica in cerca di un'autentica esperienza sonora. Fondato nel 1994, il festival è stato una risposta ribelle alla commercializzazione dei suoni elettronici, con l'obiettivo di preservare le radici della musica techno, house e underground. L'evento inaugurale al grintoso Walzmühle ha posto le basi per un viaggio che si sarebbe evoluto da un segreto sotterraneo a un fenomeno internazionale.


Robin Ebinger, uno dei mentori di questo viaggio musicale, ci guida attraverso la storia di Time Warp, offrendoci uno sguardo privilegiato sulla trasformazione del festival nel corso degli anni. Attraverso le sue parole, emergono dettagli affascinanti che abbracciano il passato del festival, delineano il suo presente vibrante alla Maimarkthalle e gettano uno sguardo fiducioso al futuro, con Time Warp che si espande a livello globale.


Questa storia di tre decenni è un'incredibile dimostrazione di come la musica possa creare connessioni che resistono al trascorrere del tempo, costruendo un legame duraturo tra gli appassionati e le realtà come Time Warp, un festival che continua a ispirare e unire le persone attraverso la magia della musica elettronica.




Potresti far luce sulla nascita di Time Warp, descrivendo in dettaglio le origini del festival e fornendo approfondimenti sul processo decisionale dietro la scelta del nome "Time Warp"? Cosa ha ispirato la creazione di Time Warp e quali bisogni o desideri specifici nella scena della musica elettronica hanno portato alla decisione di fondare un festival 30 anni fa?


ROBIN: Certamente! Time Warp, fondata 30 anni fa, vanta una ricca storia profondamente radicata nell'evoluzione della cultura della musica elettronica. Fondato da Steffen Charles, e Michael Hock, l'inizio del festival mirava a presentare una festa unica incentrata sulle radici della musica techno, house e underground.


A quel tempo, la musica elettronica stava guadagnando popolarità e stavano emergendo suoni commerciali. I fondatori hanno cercato di creare un'esperienza di distorsione temporale, collegando le radici della musica elettronica con il suo futuro, mostrando l'autenticità e l'ampiezza del genere.


Il debutto del festival nel 1994 ebbe luogo a Ludwigshafen, la città adiacente a Mannheim. L'evento inaugurale si è svolto a Walzmühle, un vecchio mulino per cereali. Immaginatevi questo: un edificio storico con una sorprendente facciata in mattoni, che trasuda vibrazioni abbandonate e caratterizzata da un labirinto di livelli e spazi da esplorare. Nonostante il suo aspetto fatiscente, possedeva un fascino innegabile, con i graffiti che decorano le pareti, contribuendo a renderlo crudo fascino. Adagiato vicino al fiume Reno, vantava un'ampia terrazza su un unico livello e ampie sale nella sezione inferiore: una cornice perfetta per un rave. Allora, la musica rave e quella elettronica erano prevalentemente underground, avvolte nella mistica ed accessibile principalmente agli addetti ai lavori. Walzmühle incarnava l'essenza di un vero e proprio magazzino, dove i partecipanti potevano perdersi nella musica e... imbattersi in una gemma nascosta di una stanza: un santuario per i ritmi underground l’atmosfera grintosa ma accattivante di questa location non convenzionale.



Puoi condividere informazioni sull'evoluzione di Time Warp dalla sua fondazione nel 1994 e su come è cresciuto da un evento locale a un fenomeno internazionale?


ROBIN: Dal 1994, il nostro viaggio è stato alimentato da un'incrollabile passione per la musica elettronica, un ottovolante di esperienze, emozioni e innumerevoli ricordi. Dopo aver esplorato varie fermate e luoghi in tutta la Germania negli anni '90 e all'inizio degli anni 2000, Time Warp ha trovato la sua casa alla Maimarkthalle di Mannheim dal 2000 in poi. Il festival si espanse a livello globale, facendo apparizioni di successo nei Paesi Bassi, in Italia e nel Nord e Sud America, raccogliendo un'enorme base di fan internazionale.

Fondamentale è stata la fondazione del Time Warp Mannheim nel 2000 alla Maimarkthalle. In ogni edizione, abbiamo approfondito la sinergia del suono e abbracciato i progressi tecnologici. I primi anni 2000 hanno segnato un salto significativo nella tecnologia degli eventi, permettendoci di pianificare in anticipo interi spettacoli e progetti di pavimenti. Il nostro team creativo e di produzione è cresciuto con questi progressi tecnologici, ricercando costantemente nuove idee e collaborando con designer e menti creative in tutto il mondo. Negli anni 2010, Time Warp ha guadagnato fama per i suoi esclusivi pavimenti: design completi non solo per il palco ma per l'intera pista da ballo. Queste installazioni che si estendono su tutta la stanza incorporano tecnologia di illuminazione e video, diversi tessuti, motori e altro ancora. Collaborando con collettivi di artisti, tecnici e creativi interdisciplinari a livello globale, miriamo a tradurre l'acustica in strutture plastiche, creando ambienti coinvolgenti che completano la musica.

La nostra missione principale è presentare una sintesi impeccabile di musica, luce e design del pavimento. Time Warp ha coltivato una comunità globale di appassionati di musica elettronica, guadagnandosi la reputazione di forza innovativa nella dinamica scena della musica elettronica. Ciò che era iniziato umilmente si è evoluto in un'eredità, celebrata per il suo profondo impatto sulla cultura della musica elettronica in tutto il mondo.

In particolare, per la "Città della Musica" dell'UNESCO Mannheim, Time Warp è diventato un'esportazione musicale e un ambasciatore della città, mostrando il contributo della città all'industria musicale.




Il roster di artisti techno di Time Warp è noto per includere sia titani affermati del genere che artisti emergenti da tutto il mondo. Come gestisci questo equilibrio e che impatto ha nel catturare lo spirito underground della scena techno?


ROBIN: Curare la direzione artistica dei Time Warp implica un delicato equilibrio. Il team seleziona attentamente sia leggende e amici affermati, sia talenti emergenti, creando un'esperienza sonora diversificata che riflette l'evoluzione del genere. Questo approccio da spazio agli artisti emergenti, offrendo loro un palcoscenico globale pur mantenendo lo spirito autentico e underground della techno. Adattandosi al panorama in evoluzione del genere, introducendo sorprese e garantendo una rappresentazione globale, l'artistico di Time Warp cattura l'essenza dinamica della techno, contribuendo alla sua narrativa continua e al suo fascino universale.



Time Warp si è espanso a livello globale con edizioni in città come San Paolo, New York e Santiago. Come si adatta l'essenza del festival ai diversi paesaggi culturali e musicali pur mantenendo la sua identità principale?


ROBIN: Riceviamo una moltitudine di richieste per portare Time Warp in numerosi paesi, con richieste che arrivano da quasi 50 nazioni diverse: un riconoscimento che apprezziamo profondamente. Tuttavia, Time Warp è molto più di un sistema di franchising. Garantire che lo spirito di Time Warp risuoni ovunque andiamo è fondamentale. Tutto inizia con la scelta del partner, della città e della sede giusti. Il nostro impegno si estende alla creazione di ambienti coinvolgenti che risuonano con il contesto architettonico del luogo. Un aspetto fondamentale è allineare questa visione con le capacità del nostro team.

Collaborare con il giusto partner locale è fondamentale; fungono da traduttori culturali, garantendo la perfetta integrazione di talenti locali e internazionali in linea con il nostro marchio.

Parte integrante del nostro team, Anatol Fried, il nostro direttore tecnico e un vero genio, è determinante nello sviluppo di progetti di pavimenti e palcoscenici, nella selezione delle configurazioni audio e nella creazione di spazi di lavoro ottimali per gli artisti.

L'altro mio partner, Frank Eichhorn, supervisiona instancabilmente ogni dettaglio prima e durante lo spettacolo. È noto per la sua precisione tedesca, spingendo i nostri partner a realizzare le cose esattamente come immaginiamo per la festa perfetta, a volte dando loro del filo da torcere, anche se con una risata bonaria.

Questo approccio meticoloso consente a Time Warp di trovare un equilibrio, celebrando sia il suo fascino universale che le caratteristiche uniche di ogni luogo.




Le 19 ore di techno e house senza compromessi al Time Warp offrono un'esperienza unica per i fan. Come garantisci che l'evento rimanga una data essenziale del calendario, attirando sia fan devoti che nuovi arrivati sulla scena della musica elettronica?


ROBIN: Affrontare questa sfida diventa ogni anno sempre più complesso, soprattutto in un mercato globale saturo di numerosi festival in lizza per attenzione e finanziamenti. Distinguersi esclusivamente attraverso il programma è formidabile, nonostante la continua unicità delle offerte di Time Warp.

Credo fermamente che l’autenticità serva da elemento chiave di differenziazione. Radicata nelle nostre origini dancefloor, la nostra passione per ciò che facciamo risuona profondamente in noi e confido che i nostri fan possano sentire questa autenticità.

L'edizione di Mannheim, in particolare, possiede un'intensità unica e un fascino speciale. Infuso con elementi internazionali, alta energia, follia controllata, edonismo, un sistema audio impeccabile, programmi meticolosamente curati e un senso di connessione familiare, incapsula l'essenza di ciò che rende Time Warp davvero eccezionale.



La sintesi di suono e immagini è un segno distintivo di Time Warp. Puoi approfondire il processo creativo dietro l'eclettica politica di prenotazione, il design spettacolare dei vari stage e la tecnologia audiovisiva che rendono il festival un'esperienza davvero coinvolgente per i partecipanti?


ROBIN: Questo è l'emblema del lavoro di squadra. Le nostre discussioni su booking, marketing e idee di produzione sono incredibilmente intense e coinvolgono i nostri team altamente motivati ​​e creativi. Anatol Fried, il nostro direttore tecnico, è la forza trainante dietro la progettazione dei nostri pavimenti. La sua insaziabile curiosità su come possono funzionare le cose, unita alla sua creatività, ci spinge costantemente a superare i limiti. Anatol vanta una vasta rete di talenti internazionali che non solo apporta idee ma fornisce anche preziosi spunti sull'esecuzione. Due degli individui che meritano una menzione speciale per il loro talento eccezionale in questo ambito sono Valentin Lüdicke e Greg Sullivan: entrambi sono dei veri geni nei loro campi.




Considerando la portata di Time Warp e la sua influenza globale, quanto è significativo l'impatto del festival sull'economia locale, in particolare a Mannheim? Inoltre, come vede il ruolo della politica locale nel collaborare e sostenere un evento di questa portata?


ROBIN: L'impatto di Time Warp sull'economia locale di Mannheim è sostanziale, attirando un pubblico internazionale e contribuendo alla sistemazione in hotel, ai servizi di ospitalità, ai taxi e alle attività commerciali locali. Il festival non solo crea opportunità di lavoro temporanee, ma ha anche il potenziale per stimolare gli investimenti nelle infrastrutture. La sua influenza si estende al miglioramento della reputazione culturale della città, attirando turisti culturali. Time Warp ha svolto un ruolo significativo nel successo della candidatura di Mannheim a diventare Città della Musica UNESCO.


La politica locale dovrebbe riconoscere la miriade di opportunità e vantaggi che un festival come Time Warp può portare ad una città. Fortunatamente questa consapevolezza sta crescendo in molti luoghi. Tuttavia, la mia esperienza sottolinea l’importanza di evidenziare costantemente gli aspetti sfaccettati dei festival musicali.


Al di là della musica e dell'edonismo, i festival sono imprese economiche, che generano occupazione e contribuiscono all'identità di una città. Stabilire un rapporto di lavoro collaborativo e rispettoso con la politica locale è essenziale per orientarsi nelle normative e garantire il supporto normativo. I politici locali svolgono un ruolo cruciale nell'affrontare le preoccupazioni della comunità, nel promuovere relazioni positive con gli organizzatori e nello sfruttare l'impatto del festival per iniziative di sviluppo cittadino più ampie.


Guardando al futuro, come immagini il futuro di Time Warp? Ci sono innovazioni o espansioni all’orizzonte e come pensi di continuare ad evolverti per soddisfare le dinamiche in continua evoluzione del panorama della musica elettronica?


ROBIN: Il principio guida è sfruttare la tecnologia per migliorare l'impatto del festival preservando al contempo la connessione essenziale tra musica e pubblico. In un’epoca in cui la tecnologia offre soluzioni a sfide come l’immissione di suoni e le pratiche ecologiche, nonché la gestione della folla, gli algoritmi svolgono un ruolo fondamentale. Possono analizzare le preferenze dei partecipanti, offrendo consigli personalizzati su spettacoli, cibo e attività.

Stiamo esplorando nuovi mercati e perfezionando continuamente l'esperienza complessiva. Nonostante i progressi tecnologici, la nostra missione principale rimane immutata: farvi ballare.


TIME WARP MANNHEIM 2024 | MAIMARKT MANNHEIM

FRIDAY 05 APRIL 2024:


8Kays

999999999

Âme

Anfisa Letyago b2b Héctor Oaks

ARTBAT

Ben Klock b2b Adiel

Chris Liebing b2b Speedy J

David Löhlein

Dax J b2b SPFDJ

Fadi Mohem

I Hate Models

KAS:ST

Kevin de Vries

Kobosil

Lee Ann Roberts

NTO live

Paula Temple

Rødhåd

VTSS b2b Anetha


SATURDAY 06 APRIL 2024:


Adam Beyer

Adriatique

ANNA b2b Sama' Abdulhadi

Boston 168 live

Chloé Caillet b2b Desiree

Clara Cuvé

DJ Gigola

DJ Holographic

Enrico Sangiuliano

FJAAK

GOLFOS (Dennis Cruz b2b PAWSA)

Honey Dijon

Indira Paganotto

Jamie Jones b2b Steve Martinez

Jayda G

Jimi Jules

Joseph Capriati

Juliet Fox

Karotte

Kevin Saunderson presents E-Dancer

Laurent Garnier

Loco Dice

Marcel Dettmann

Marco Carola

Mochakk

Nina Kraviz

Octave One live

Ogazón

PAN-POT

Patrick Mason

Reinier Zonneveld live

Ricardo Villalobos

Richie Hawtin

Sam Paganini

Sara Landry

Seebase

Seth Troxler

Silvie Loto

Sven Väth


ENG VERSION


In the heart of Ludwigshafen, Germany, 30 years ago, Time Warp emerged as a beacon for electronic music enthusiasts seeking an authentic sonic experience. Founded by Steffen Charles and Michael Hock in 1994, the festival was a rebellious response to the commercialization of electronic sounds, aiming to preserve the roots of techno, house, and underground music. The inaugural event at the gritty Walzmühle set the stage for a journey that would evolve from an underground secret to an international phenomenon.

Since those early days, Time Warp has metamorphosed, finding its home at Mannheim's Maimarkthalle in 2000 and expanding globally. Robin Ebinger, one of the festival's founders, guides us through the delicate curation of its lineup, striking a balance between established icons and rising talents to capture the dynamic spirit of the techno scene. As Time Warp transcends borders, with editions in cities like São Paulo, New York, and Santiago, the festival faces the challenge of adapting to diverse cultural landscapes while staying true to its core identity. 

Robin sheds light on the meticulous process of selecting partners, venues, and collaborating with local talents to ensure the Time Warp spirit resonates across continents.



Could you shed light on the inception of Time Warp, detailing the origins of the festival and providing insights into the decision-making process behind choosing the name "Time Warp"? What inspired the creation of Time Warp, and what specific needs or desires in the electronic music scene led to the decision to establish a festival 30 years ago?


ROBIN: Certainly! Time Warp, established 30 years ago, holds a rich history deeply embedded in the evolution of electronic music culture. Founded by my partner, Steffen Charles, and Michael Hock, the festival's inception aimed to present a unique party with a focus on the roots of techno, house, and underground music. At that time, electronic music was gaining popularity, and commercial sounds were emerging. The founders sought to create a time warp experience, bridging the roots of electronic music with its future, showcasing the authenticity and breadth of the genre.

 

The festival's debut in 1994 took place in Ludwigshafen, the city adjacent to Mannheim. The inaugural event unfolded at Walzmühle, an old grain mill. Picture this: a historic building with a striking brick façade, exuding abandoned vibes, and featuring a maze of levels and spaces to explore. Despite its run-down appearance, it possessed an undeniable charm, with graffiti decorating the walls, contributing to its raw allure. Nestled next to the River Rhine, it boasted a vast terrace on one level and spacious halls in the lower section—a perfect setup for a rave. Back then, rave and electronic music were predominantly underground, shrouded in mystique

and accessible mainly to those in the know. Walzmühle embodied the essence of a proper warehouse, where attendees could lose themselves in the music and and stumble upon a hidden gem of a room —a sanctuary for underground beats amidst the gritty yet captivating atmosphere of this unconventional location.



Can you share insights into the evolution of Time Warp since its establishment in 1994 and how it has grown from a local highlight to an international phenomenon?


Robin: Since 1994, our journey has been fueled by an unwavering passion for electronic music, a rollercoaster of experiences, emotions, and countless memories. After exploring various stops and locations throughout Germany in the '90s and early 2000s, Time Warp found its home at the Maimarkthalle in Mannheim from 2000 onwards. The festival expanded globally, making successful appearances in the Netherlands, Italy, and North and South America, garnering a massive international fan base.

The establishment of Time Warp Mannheim in 2000 at Maimarkthalle has been pivotal. With each edition, we've delved deeper into the synergy of sound and embraced technological advancements. The early 2000s marked a significant leap in event technology, allowing us to plan entire shows and floor designs in advance. Our production and creative team has grown with these technological strides, consistently seeking new ideas and collaborating with designers and creative minds worldwide.In the 2010s, Time Warp gained renown for its signature floors—comprehensive designs not only for the stage but for the entire dancefloor. These room-spanning installations incorporate light and video technology, diverse fabrics, motors, and more. Collaborating with artist collectives, technicians, and interdisciplinary creatives globally, we aim to translate acoustic into plastic structures, creating immersive environments that complement the music.

Our primary mission is to present a flawless synthesis of music, light, and floor design. Time Warp has cultivated a global community of electronic music enthusiasts, earning a reputation as an innovative force in the dynamic electronic music scene. What started humbly has evolved into a legacy, celebrated for its profound impact on electronic music culture worldwide.

Notably, for UNESCO's "City of Music" Mannheim, Time Warp has become a musical export and a city ambassador, showcasing the city's contribution to the music industry.



The roster of techno artists at Time Warp is known for featuring both established titans of the genre and up-and-coming artists from around the world. How do you curate this balance, and what impact does it have on capturing the underground spirit of the techno scene?


ROBIN: Curating the artist lineup of Time Warp involves a delicate balance. The team carefully selects both established legends and friends as well as up-and-coming talents, creating a diverse sonic experience that reflects the genre's evolution. This approach nurtures emerging artists, offering them a global stage while maintaining the authentic, underground spirit of techno. By adapting to the genre's evolving landscape, introducing surprises, and ensuring global representation, Time Warp's lineup captures the dynamic essence of techno, contributing to its ongoing narrative and universal appeal.



Time Warp has expanded globally with editions in cities like São Paulo, New York, and Santiago. How do you adapt the essence of the festival to different cultural and musical landscapes while maintaining its core identity?


ROBIN: We receive a multitude of requests to bring Time Warp to numerous countries, with inquiries pouring in from almost 50 different nations—an acknowledgment we deeply appreciate. However, Time Warp is far more than a franchise system. Ensuring that the Time Warp spirit resonates wherever we go is paramount. This begins with choosing the right partner, city, and venue. Our commitment extends to crafting immersive environments that resonate with location’s architectural context. A critical aspect is aligning this vision with the capabilities of our team.

Collaborating with the right local partner is crucial; they serve as cultural translators, ensuring the seamless integration of local and international talent that aligns with our brand.

An integral part of our team, Anatol Fried, our technical director and a true genius, is instrumental in developing floor and stage designs, selecting sound setups, and creating optimal working spaces for artists.

 

My other partner, Frank Eichhorn, tirelessly oversees every detail before and during the show. He's known for his German precision, pushing our partners to implement things exactly as we envision for the perfect party—sometimes giving them a hard time, albeit with a good-natured laugh.

This meticulous approach allows Time Warp to strike a balance, celebrating both its universal appeal and the unique characteristics of each location.



The 19 hours of uncompromising techno and house at Time Warp offer a unique experience for fans. How do you ensure that the event remains an essential calendar date, attracting both devoted fans and newcomers to the electronic music scene?


ROBIN: Navigating this challenge annually becomes increasingly complex, particularly in a global market saturated with numerous festivals vying for attention and funding. Distinguishing oneself solely through the program is formidable, despite the continued uniqueness of Time Warp's offerings.

I firmly believe that authenticity serves as a key differentiator. Rooted in our dancefloor origins, our passion for what we do resonates with us deeply, and I trust that our fans can feel this authenticity.

The Mannheim edition, in particular, holds a unique intensity and special allure. Infused with international elements, high energy, controlled madness, hedonism, a flawless sound system, meticulously curated programs, and a sense of familial connection, it encapsulates the essence of what makes Time Warp truly exceptional.

 


The synthesis of sound and visuals is a hallmark of Time Warp. Can you delve into the creative process behind the eclectic booking policy, spectacular floor designs, and audiovisual technology that make the festival a truly immersive experience for attendees?


Robin: This is the epitome of teamwork. Our discussions on booking, marketing, and production ideas are incredibly intense and involve our highly motivated and creative teams. Anatol Fried, our technical director, is the driving force behind our floor designs. His insatiable curiosity about how things can work, coupled with his creativity, keeps us constantly pushing boundaries. Anatol boasts an extensive network of international talent that not only contributes ideas but also provides valuable insights on execution. Two of the individuals, deserving special mention for their exceptional talents in this realm are Valentin Lüdicke and Greg Sullivan — both are true geniuses in their fields.



Looking ahead, how do you envision the future of Time Warp? Are there any innovations or expansions on the horizon and how do you plan to continue evolving to meet the ever-changing dynamics of the electronic music landscape?


ROBIN: The guiding principle is to harness technology to enhance the festival's impact while preserving the essential connection between music and the audience. In an age where technology offers solutions to challenges such as sound immission and green practices, as well as crowd management, algorithms play a pivotal role. They can analyze attendee preferences, offering personalized recommendations for performances, food, and activities.

 

We are exploring new markets and continuously refining the overall experience. Despite technological advancements, our primary mission remains unchanged: to make you dance.



Considering the scale of Time Warp and its global influence, how significant is the impact of the festival on the local economy, particularly in Mannheim? Additionally, how do you see the role of local politics in collaborating and supporting an event of this magnitude?


ROBIN: Time Warp's impact on Mannheim's local economy is substantial, attracting an international audience and contributing to hotel accommodations, hospitality services, taxis, and local businesses. The festival not only creates temporary employment opportunities but also has the potential to stimulate infrastructure investments. Its influence extends to enhancing the city's cultural reputation, drawing cultural tourists. Time Warp played a significant role in Mannheim's successful application to become a UNESCO City of Music.

 

Local politics should recognize the myriad opportunities and advantages that a festival like Time Warp can bring to a city. Fortunately, this awareness is growing in many places. However, my experience underscores the importance of consistently highlighting the multifaceted aspects of music festivals. Beyond music and hedonism, festivals are economic enterprises, generating employment and contributing to a city's identity. Establishing a collaborative and respectful working relationship with local politics is essential for navigating regulations and ensuring regulatory support. Local politicians play a crucial role in addressing community concerns, fostering positive relationships with organizers, and leveraging the festival's impact for broader city development initiatives.



Looking ahead, how do you envision the future of Time Warp? Are there any innovations or expansions on the horizon and how do you plan to continue evolving to meet the ever-changing dynamics of the electronic music landscape?


ROBIN: The guiding principle is to harness technology to enhance the festival's impact while preserving the essential connection between music and the audience. In an age where technology offers solutions to challenges such as sound immission and green practices, as well as crowd management, algorithms play a pivotal role. They can analyze attendee preferences, offering personalized recommendations for performances, food, and activities.

 

We are exploring new markets and continuously refining the overall experience. Despite technological advancements, our primary mission remains unchanged: to make you dance.

コメント


bottom of page