#recordoftheweek: GigiFM - Magnetite EP

Updated: 12 hours ago


Giulia Fournier-Mercadante aka GiGi FM debutta sull'etichetta Bambe di Bambounou con un EP di mantra techno-spirituali.


Magnetite EP segna il primo EP firmato per GiGi FM dopo il mini-album 'Kiwi Synthesis Diary 21k' uscito nel dicembre 2021.


In ogni aspetto del suo lavoro GiGiFM presenta una visione alternativa della musica dance elettronica intrisa di astrologia, filosofia, scienza metafisica e rituale. Da ballerina esperta, la sua musica è intrinsecamente legata al movimento fisico, reso esplicito negli accompagnamenti visivi dei suoi pezzi, e nel processo creativo di questo disco.


Tra le quattro tracce di questo disco c'è 'Senstronaut (MYO)', la prima che Fournier-Mercadante ha realizzato interamente usando un sensore di movimento MYO. Tutte le parti sono state create come strati progressivi usando i gesti delle braccia, permettendole una connessione immediata tra la sua performance di danza e la produzione musicale.

La kinesiologia - lo studio del movimento umano - costituisce uno dei temi di fondo dell’EP. GIGI FM si ispira infatti alla danza come un'antica usanza che risponde alle vibrazioni atomiche dell'universo, e considera il materiale che permette a noi e a tutti gli esseri viventi di percepire la forza cinetica del campo elettromagnetico della Terra, il minerale magnetite.

"Collegandoci con il campo elettromagnetico della Terra, possiamo attingere ad un potere nascosto e dimenticato", spiega. "Possiamo connetterci alla saggezza perduta che è sepolta in ogni roccia, fiore o albero, e alle frequenze sonore che ci circondano".


Il nome di un album ha un grande effetto su di esso. Magnetite è il nome del tuo ultimo album. Puoi raccontarci la storia dietro la scelta di questo nome?

Beh, la magnetite è un prima di tutto un cristallo. E’ inoltre un elemento che tutti noi abbiamo nel nostro cervello - tutti, sopratutto nei mammiferi; la troviamo nella nella ghiandola pineale che è conosciuta come il terzo occhio o la sede dell'anima. Ci permette di connetterci alla nostra intuizione e a tutto quello che ci circonda sulla terra - le tartarughe, ad esempio, la usano per navigare usando i campi elettromagnetici della terra. Usando il potere della Magnetite possiamo attingere ad un potere nascosto e dimenticato. Ho scelto questo nome perché per me queste canzoni sono interconnesse con la mia intuizione; rappresentano tutte le direzioni della mia vita.



Concentriamoci sul lato visivo dell'album. C'è una forte cura per i visuals dell'Ep. Chi ha curato la copertina e tutta la parte visuals? Qual è il tuo rapporto con il mondo dell'arte visiva?

Per questo ho lavorato a stretto contatto con Dimitri Erhard che è il visual director dell'etichetta. A parte portare una macchina fotografica e documentare il mondo intorno a me, non ho lavorato particolarmente in una disciplina visiva. Tuttavia, da quando ne ho memoria la musica ha sempre evocato in me colori e scene che hanno aiutato a sviluppare il mio linguaggio visivo e, naturalmente, tutto quello che vedete in questo EP. Insieme alla tavolozza dei colori ho anche inviato alcuni video di me che ballo, Dimitri li ha poi renderizzato in 3D per creare l'avatar sulla copertina.


La musica e la danza sono due discipline profondamente legate. Lo scopo principale della danza è trascendere l'io corporeo e fonderlo con l'io spirituale. In questo album c'è una profonda connessione con l'approccio alla musica come un rituale. Qual è il tuo rapporto con i rituali? E qual è la tua connessione con il mondo della danza?

È iniziato tutti con i sogni. Mia madre è una grande fan dell'analisi dei sogni, ne parliamo regolarmente e cerchiamo spesso il loro significato. E’ molto importante quello che il tuo subconscio ti vuole comunicare. Di conseguenza ho sempre prestato molta attenzione a questo lato della vita.

Inoltre, crescendo ho conosciuto la meditazione attraverso la danza che, come hai detto tu, ho usato anche per trascendere lo spazio in cui mi trovavo. Questo mi ha portato a praticare il balletto e la danza contemporanea inizialmente a Parigi e poi mi ha portato a New York dove ho sviluppato i miei studi come ballerina che a sua volta ha contribuito ad aumentare la mia connessione con il mio corpo e la mia mente.

Parlando del sensore di movimento MYO: perché hai deciso di usare questo tipo di supporto per produrre alcuni dei suoni all’interno dell’album?

Credo di aver guardato fin troppo Star Trek (e Charmed) quando ero bambina. Sono sempre stata interessata ad essere in grado di creare musica attraverso la danza. Credo che la danza sia davvero una risposta al suono. Devo dire che non ero sono mai stata la migliore forma di comunicazione sotto questo aspetto, quindi ero curiosa di sapere come sarebbe stato comunicare attraverso il corpo e come sarebbe stato il linguaggio del corpo. Le nostre bocche non sono sempre i migliori indicatori della verità... le energie parlano più forte delle parole.

Il tuo approccio alla produzione musicale è effettivamente diverso da quello di altri artisti contemporanei. Possiamo dire che tu sperimenti con concetti antichi e ancestrali rendendoli contemporanei. Parli di natura, astrologia, filosofia. In che modo tutte queste discipline influenzano la tua produzione? E perché è importante per te avvicinarle?

Come mi sento giorno per giorno è collegato all'ambiente immediato che mi circonda e alla cosmologia. Noi respiriamo l'universo e l'universo respira noi. Dato che la mia arte è una rappresentazione di questi sentimenti è certamente collegata. Tuttavia, in verità queste non sono ispirazioni o considerazioni dirette. Non faccio ricerche prima della creazione di un album, esprimo però ciò che ho dentro in quel momento senza molti pensiero esterni. E sì, spesso ho dei momenti eureka dopo, come 'ah sì, certo, c’è la Luna in Gemelli' (ride)

Ascolta la playlist esclusiva su Spotify:

Gigi FM x t-mag

Spotify



ENG VERSION


Naming an album has a big effect on it. Magnetite is the name of your new album. Can you please tell us the story behind the choice of this name?


Well magnetite is a crystal and is also something that we all have in our brains - all, as in mammals; including in the pineal gland which is known as the third eye or the seat of the soul. It enables us to connect to our intuition and surroundings on earth - turtles use it to navigate by using the electro magnetic fields of the earth. Using the power of Magnetite we can tap into a hidden and forgotten power. I chose this name because for me these songs are interconnected with my intuition; they all represent directions of my life.


Let’s focus on the visual side of the album. There’s a strong care for the visuals of the Ep. Who curated the cover and all the visuals of it? And what is your relationship with the world of visual art?


For this I worked closely with Dimitri Erhard who is the visual director of the label. Aside from carrying a camera and documenting the world around me I haven’t worked particularly in a visual discipline. However, since I can always remember music has evoked colors and scenes which helped inform my visual language and of course for this EP. Alongside the color palette I also sent over some videos of myself dancing which Dimitri 3D rendered to create the avatar on the sleeve.


Music and dance are actually so related. The main purpose of dance is to transcend the bodily self and merge it with the spiritual self. In this album there’s a deep connection with approaching music as a ritual. What’s your journey into rituals? And what’s your connection with the dance-world?


It started with dreams. My mom is a big fan of dream analysis and we would talk about them on a regular basis and look for their meanings, what your subconscious is communicating with you. So I’ve always paid a lot of attention to that.

Also Growing up I found meditation through dancing which as you’ve touched upon I also would use to transcend the space i was in. This led me to practice ballet and contemporary dance initially in Paris and then later took me to New York where i developed my studies as a dancer which also in turn helped to increase my connection to my body and mind.


Talking about the MYO motion sensor: why did you decide to use this kind of support to produce your sound?


I think I watched far too much Star Trek (and Charmed) when I was a kid. I was always interested in being able to create music via dance as opposed to dance just being a response to sound. I wasn’t the best communicator either so I was curious to know what it would be like to communicate via the body and what body language would sound like. Our mouths are not always the best indicators of the truth.. energies speak louder than words.


Your approach to producing music is actually different from other contemporary artists. We actually can say that you kind of experiment with old, ancestral concepts making them contemporary. Talking about nature, astrology, philosophy. How do all these disciplines influence your production? And why is it important for you to approach them?


How I feel day to day is connected to the immediate environment around me as well as cosmology.. We breathe the universe and the universe breathes us. Given that my art is a representation of these feelings it certainly is connected however, in truth these are not direct inspirations or considerations.. I’m not researching this prior to creation or anything I'm just expressing what I have inside at that time without much external thought. And yeah I do often have eureka moments after like ‘ah yeah of course, the moons in Gemini’ lol